È triste un pianeta abitato da giovani le cui dita sfiorano più cellulari che volti.