Probabilmente viaggiare non previene il bigottismo, ma scoprire che tutti i popoli piangono, ridono, mangiano, si preoccupano e muoiono può far nascere l’idea che se ci sforziamo di capirci a vicenda, alla fine potremmo anche diventare amici.