A Mimi [la zia] dicevo sempre: “Hai buttato via tutte le mie poesie e te ne pentirai quando sarò famoso”. Non le perdonavo il fatto che non mi trattasse come un fottuto genio.