Lei iniziò con la prima di quelle che più tardi definimmo “le mie lezioni di vita”. Mi disse che dovrò sempre essere intollerante verso l’ignoranza ma comprensiva verso l’analfabetismo.